Essere donna agli occhi di un uomo. Quello che tua madre non ti ha detto

Un’origine diversa che giustificherebbe la netta contrapposizione fra i due generi. Non è facile parlare di uomini e donne senza incedere in facili luoghi comuni (immediatamente smontabili) o in vecchi pregiudizi sessisti e riduttivi. Semplificare all’estremo non giova né agli uni né alle altre. Proviamo quindi ad aprire un discorso da una prospettiva diversa. Cosa significa essere donna agli occhi di un uomo? E perché è importante comprenderlo?

Sono moltissime le donne che vivono il rapporto con l’altro sesso in maniera conflittuale. Alcune, cavalcando ferite aperte vivono questo conflitto alla luce del giorno. Altre hanno invece un rapporto apparentemente normale con gli uomini, per poi ritrovarsi puntualmente in relazioni sentimentali, familiari o sociali soffocanti, tossiche o disturbate.

Com’è facile capire, qualsiasi soluzione che implichi l’additare tutti gli uomini come imperdonabili e irriducibili colpevoli lascia il tempo che trova. Il problema, invece, sta proprio nella mancanza di un vero dialogo fra le parti. È da lì che è necessario ripartire per accettare completamente queste differenze radicali che, anziché soffocarci o portarci alla guerra, dovrebbero arricchirci.

Venere vs. Marte: la guerra delle emozioni

L’universo maschile e quello femminile, al di là delle specifiche differenze e degli stereotipi ormai superati, presentano caratteristiche diverse. La linea netta più evidente di questo dualismo sta nel modo in cui gli uomini e le donne vivono la propria sfera emotiva.

Da un lato, quello maschile, sembra predominare ancora oggi il modello dell’uomo sicuro di sé, autore della propria fortuna e capace di tenere sotto controllo le proprie debolezze. Le emozioni vengono o camuffate sotto strati di cera o esposte platealmente e, quindi, trasformate più in un gesto eroico che in un momento di sincera apertura.

Dall’altro lato, a Venere domina la sensibilità. La donna vive la propria emotività con maggior accettazione rispetto all’uomo e, se vogliamo, un orecchio più attento ad ascoltare i segnali intangibili dei sentimenti. Un approccio empatico che predilige l’introspezione alla mostra del sé.

Accettare le proprie emozioni significa anche viverle con più serenità. Una donna che scoppia a piangere in pubblico stupirà molto meno di un uomo che cederà apertamente alle sue debolezze. Questo, però, non significa che l’uomo non sia capace di provare emozioni, né che la donna le sappia gestire sempre.

Gli uomini provano emozioni esattamente tanto quanto le donne. La rabbia, l’amore, la delusione, l’amarezza, la paura fanno parte dell’universo emotivo di entrambi. Quello che cambia è il modo in cui i due immaginari convivono con le proprie emozioni. Questo punto è di cruciale importanza. Proprio a causa della tendenza femminile a celebrare le emozioni tutte, molte donne scontrandosi con il muro di pietra degli uomini si ritrovano spiazzate.

Le emozioni non vanno nascoste né ostentate: vanno gestite

Alcune, sentendosi inadeguate e ingiustamente declassate a “frignone”, rispondono a loro volta con la stessa moneta. È il muro contro muro che, puntualmente, caratterizza i rapporti più conflittuali. Altre, invece, si adagiano appieno sul ruolo di romantiche e istintive, dedicando alle emozioni tutte le loro energie. Entrambe le reazioni sono purtroppo il frutto di una credenza sbagliata di queste donne.

Donne che non accettano il proprio lato emotivo perché stigmatizzato come debole dai canoni machisti. E per questo lo nascondono, perdendo un valore aggiunto fondamentale per la completa realizzazione della propria personalità. 

Anche le donne che, invece, si lasciano andare alla corrente delle loro emozioni commettono un grave torto contro se stesse. Anziché vivere una relazione sana con la propria sfera emotiva, lasciano che gli umori del momento condizionino ogni loro scelta, stato d’animo o atteggiamento.

È così che l’universo maschile, vittima delle sue stesse regole, è pronto a reclamare la propria razionalità e il proprio controllo contro la sensibilità emotiva tutta al femminile.

Quelli che ti ho descritto fin qui sono due universi stereotipati e opposti, che però possono aiutarti a comprendere il nocciolo della questione. Così come il controllo e la sicurezza sono l’emblema della forza maschile, anche le emozioni possono essere il cavallo vincente delle donne!

L’empatia e la sensibilità sono qualità essenziali che ti permettono di capire il mondo che ti circonda e di prendervi parte in modo pieno e sincero. Perché quindi occultare questo carattere? O peggio: perché trasformare il nostro punto di forza nel nostro punto di debolezza?

Imparare a vivere le tue emozioni non ti renderà istintiva, irrazionale, eterna bambina, inguaribile romantica. Sarà la marcia in più che ti permetterà di comprendere quello che un occhio superficiale e asettico non potrà mai comprendere. La sensibilità per le piccole cose che, nel quadro complessivo, diventano davvero grandi.

Cosa significa essere una donna agli occhi degli uomini?

Significa non aver paura di mostrarsi per come si è. È apparire fragili per poi rialzarsi, un attimo dopo, senza battere ciglio. È andare nel profondo, non per annegare nelle proprie emozioni ma per imparare da esse.

  1. Gli stati d’animo, le sensazioni e le emozioni che provi sono il riflesso della tua percezione della vita e delle cose che ti accadono. Non dare mai per scontato che qualcun altro (comprese le persone a te più care e vicine) abbiano la tua stessa risposta emotiva a ciò che accade. Piuttosto, cerca di spiegarti, di esprimere le tue emozioni e di capire perché ti senti così.

  2. È inutile dividere gli uomini in “stronzi” e “bravi ragazzi”. Esistono persone ferite che rispondono agli urti della vita alzando le proprie difese e persone che, invece, reagiscono cercando un appiglio nell’altra persona. Questo non significa subire tacitamente ogni egoismo o cedere a ogni richiesta di attenzioni. Significa, invece, accettare pacificamente la diversità di orizzonti, prospettive e necessità per prendere decisioni razionali e non istintive.

  3. Fai una gentilezza e non aspettarti nulla in cambio. Non si tratta di fare “beneficenza” gratuita, ma di riconoscere che un dono è tale solo se sentito. Altrimenti, si trasforma in uno scambio di favori dettato dal senso di colpa.

  4. Sbaglia. Un errore di valutazione, una previsione errata, una scelta infruttuosa. Sbagliare non ti rende inadeguata o incapace. Ti permette, invece, di vivere le tue esperienze e di trovare tu stessa le risposte delle quali hai bisogno.

  5. Essere single non è un fallimento. Il mito della zitella alla disperata ricerca di un uomo che non arriva non è solo anacronistico: è sminuente. Sminuente di tutto ciò che significa essere una donna con talenti, sogni, ambizioni, interessi e progetti di vita. Ciascuno deve seguire il proprio percorso e coltivare la propria felicità. Non lasciare che gli stereotipi sociali riducano tutto questo al bisogno di un uomo.

  6. Non aspettarti dagli altri quello che faresti tu. Non dare per scontato che il tuo comportamento sia il solo giustificabile ed ammissibile. Lo è per te, non necessariamente per il vissuto di un altro. Anziché chiederti perché l’altra persona non si comporta come te, chiediti piuttosto se le sue azioni ti feriscono e, nel caso, allontanati. Non perdere tempo a pretendere le stesse risposte che daresti tu.

  7. Ascoltati sempre. Ma non dimenticarti di ascoltare anche gli altri. Empatia non significa provare le stesse emozioni, ma comprendere quelle dell’altra persona. Interrogati sulle ragioni che spingono l’altra persona, senza mescolarle con quelle che spingono te.

  8. Gli affetti non bastano a rendere una donna completa. Una donna che investe tutte le sue energie e tutto il suo tempo nella cura dei propri cari sarà certamente benvoluta. Non è detto, però, che sia anche felice. Quella affettiva è solo una delle sfere che compongono l’universo di una persona. Coltiva i tuoi rapporti e dedicati agli altri, ma non trascurare tutte le altre sfaccettature della vita. Sono quelle che ti aiuteranno ad affrontare le inevitabili crisi dei rapporti umani.

  9. Non esistono tempi prestabiliti e universalmente validi. Esistono invece momenti giusti, occasioni che si presentano quando meno te lo aspetti e imprevisti che sconvolgeranno i tuoi piani. Per questo bisogna imparare a vivere ogni fase della propria vita comprendendone opportunità e ragioni. Senza cercare di inquadrarti in un calendario universale di scadenze, che ti farà sentire sempre in ritardo o in anticipo rispetto ai “tempi”.

  10. Gli uomini si invaghiscono delle belle donne, ma poi sposano le brave donne. Questa, invece, è una frase che avrai sentito centinaia di volte. Ebbene, se stai cercando di rientrare nei canoni di una delle due categorie… sappi che non troverai un rapporto, ma una gabbia. Gli uomini, esattamente come le donne, sono attratti tanto da un’estetica piacevole quanto da una personalità intrigante. Tanto da un bel sorriso quanto da un cuore grande. Sta a te capire i tuoi punti di forza e far leva su quelli per poi schiudere, pian piano, tutta la tua persona. Non orientare le tue scelte in base al pensiero che un uomo potrebbe avere di te: sarebbe la mancanza di rispetto peggiore che tu possa fare a te stessa.

Francesca Camboni

Coach certificata, Master in coaching neurosemantico, Pratictioner e Master Pratictioner NLP, Master in Ipnosi applicata, certificata in Tecniche di Respiro, Training Autogeno e Reiki, certificata anche come Insegnante Louise Hay, Formatrice TUAV e insegnante di Sofrologia.

Aiuta le Donne nella vita privata e professionale a raggiungere risultati concreti, grazie all’implementazione di abitudini di successo per essere CONSAPEVOLMENTE libera e INDIPENDENTE Emotivamente, Energeticamente e Economicamente.

Vuoi sentirti LIBERA e creare nuove abitudini potenzianti?

Entra nel gruppo "Donne alla ricerca di cambiamenti nella vita e/o nel lavoro" e ricevi la guida GRATUITA "5 facili step per iniziare ad ottenere cambiamenti veloci".

Argomenti del blog

Leggi anche questi

Benessere di una donna e le cinque buone abitudini che forse non conosci

Donne italiane che hanno fatto la storia

Sei una donna ambiziosa?
Ecco 5 suggerimenti per te